Ti trovi in:

Home » Territorio » Storia

Menu di navigazione

Territorio

Storia

di Giovedì, 20 Marzo 2014

Lo statuto del comune di Fornace richiama e valorizza i principi che ispirano le tradizioni e i costumi degli antichi statuti della Montagna, e dell'Onoranda Comunità di Fornace del 1764.

Lo stesso è redatto in conformità ai principi generali dell'ordinamento, e a quelli fondamentali delle Leggi dello Stato e dello Statuto della Regione Trentino Alto Adige – Sudtirol.

Immagine decorativa

La superficie del territorio amministrativo di Fornace è di 724 ettari. Il Comune è altresì proprietario patrimoniale di un bosco sito nel C.C. Valfloriana denominato Bosco Fornasa di complessivi ettari 717,6.
La maggiorparte della popolazione (circa l'85%) si trova nel centro abitato e il restante 15% è suddiviso tra i nuclei abitati di S.Stefano, Valle e Villaggio Pian del Gac comprese le case sparse.
Il Comune confina con i territori dei Comuni di Civezzano, Baselga di Pinè, Lona–Lases, Albiano e Pergine Valsugana.

Il territorio del paese di Fornace, estremamente ridotto, ed in gran parte collinare non ha mai offerto grandi prospettive di lavoro ed occupazione, negli anni che furono; l'attività prevalente nei secoli scorsi era di carattere silvo-pastorale, coltura del baco da seta fino alla grande crisi del secolo scorso, zootecni, bovini e caprini, favorito dall'ampio territorio prativo, ed in questo secolo, fino agli anni Sessanta vitivinicola e fruttifera.

Immagine decorativa

Il 19 agosto 2017 è stato sottoscritto tra le Amministrazioni comunali di Fornace (Trento, Italia) e di Rodeio (Santa Catarina, Brasile) un Patto di Amicizia, punto di partenza per un percorso di approfondimento della conoscenza reciproca e per il consolidamento dei legami di amicizia.

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam