Ti trovi in:

Home » Territorio » Storia » La configurazione geopolitica, le frazioni, lo stemma e il gonfalone

La configurazione geopolitica, le frazioni, lo stemma e il gonfalone

di Giovedì, 20 Marzo 2014
Immagine decorativa

La superficie del territorio amministrativo di Fornace è di 724 ettari. Il Comune è altresì proprietario patrimoniale di un bosco sito nel C.C. Valfloriana denominato Bosco Fornasa di complessivi ettari 717,6.
La maggiorparte della popolazione (circa l'85%) si trova nel centro abitato e il restante 15% è suddiviso tra i nuclei abitati di S.Stefano, Valle e Villaggio Pian del Gac comprese le case sparse.
Il Comune confina con i territori dei Comuni di Civezzano, Baselga di Pinè, Lona–Lases, Albiano e Pergine Valsugana.

Descrizione Araldica dello Stemma

Lo stemma del Comune, che risale a tempi antichissimi, è composto dalla blasonatura “D'oro alla torre, scalare di uno, in porfido, murata di nero, merlata alla ghibellina, di sei pezzi alla balconata e di quattro alla sommità, aperta del campo ai campi terreno e primo”, “dalla corona murale di Comune” e da ornamenti “A destra una fronda d'alloro fruttata di rosso, a sinistra una fronda di quercia ghiandifera al naturale, legata sotto la punta dello scudo ad un nastro azzurro”. Lo stesso è stato confermato “con provvedimento del Capo del Governo Benito Mussolini in data 24.9.1931.

Blasonatura del Gonfalone

Il gonfalone è composto da un drappo del rapporto di 1:2 tagliato di rosso e di bianco caricato al centro dallo stemma comunale munito dei suoi ornamenti sottostante l'aurea scritta “Comune di Fornace”; bordato e frangiato d'oro appeso ad un bilico unito ad un'asta – foderata di velluto rosso ornato di spirale d'oro – mediante un cordone a nappe d'oro.
Il Patrono del Paese è S. Martino ed è identificato nella festività di San Martino che si celebra l'11 Novembre di ogni anno.